Home / Mare e spiagge / Cosa visitare in Abruzzo: la provincia di Teramo

Cosa visitare in Abruzzo: la provincia di Teramo

La provincia di Teramo è la più estesa dell’Abruzzo; caratteristica principale del suo territorio è la vasta area collinare che dal versante orientale dell’Appennino abruzzese digrada dolcemente fino alla costa adriatica.

Lungo la costa sorgono le cittadine balneari note come sette sorelle (Silvi, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Giulianova, Alba Adriatica, Tortoreto e Martinsicuro). Caratterizzate da litorali sabbiosi e dal clima tipicamente mediterraneo, si contraddistinguono per una ricca flora di palme, oleandri e pini marittimi.

Oltre a offrire ai turisti bellissime spiagge, sono anche straordinarie cittadine d’arte, piene di storia e cultura.

Giulianova

Antica città dell’Abruzzo con una forte vocazione turistica è tra le stazioni balneari più frequentate del Medio Adriatico. I visitatori possono beneficiare, infatti, di strutture ricettive di ottima qualità, della presenza di un porto vivace e di una lunga spiaggia che le garantisce ogni anno il riconoscimento della Bandiera Blu.

La città si divide nella due frazioni di Giulianova Alta, le cui origini risalgono all’epoca neolitica, e Giulianova Lido.

Sul portale Giulianova.it è possibile trovare l’hotel ideale per il proprio soggiorno in città.

Tra i numerosi edifici sacri troviamo il Duomo di San Flaviano, costruito nel XV secolo in onore del Patriarca di Costantinopoli, le cui spoglie raggiunsero le coste di Giulianova nel 450 dc e sono, tuttora, custodite in una cripta posta al di sotto della collegiata, e la Chiesa di Sant’Anna, costruita nel Quattrocento e progettata dal noto architetto senese, Francesco Di Giorgio Martini, presenta un pregiato altare in stile tardo barocco.
Poco distante si trova il
Torrione “Il Bianco” il più grande dei resti delle mura fortificate che cingevano l’antica città.

Il lungomare monumentale e il Belvedere sono i luoghi ideali per coloro che amano passeggiare.

Roseto degli Abruzzi

Roseto degli Abruzzi è una meta estiva molto rinomata; l’intera cittadina, infatti, si estende parallela a una lunga spiaggia di sabbia dorata bagnata da un mare cristallino.

Da visitare è il borgo medioevale di Montepagano, la più antica frazione di Roseto, che sorge sulla collina che fronteggia la città.

Roseto è il luogo ideale per gli amanti della natura; a pochi chilometri, infatti, si trovano la Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Calanchi di Atri e le Gole del Salinello, con le sue particolari grotte.

Alba Adriatica

Oltre alla lunga spiaggia di sabbia finissima che digrada dolcemente in uno splendido mare, anche l’immediato entroterra di Alba Adriatica offre numerose opportunità per un turismo culturale e enogastronomico. Alle spalle della cittadina balneare, infatti, si apre l’ampia vallata del Vibrata dove, disseminati in un meraviglioso paesaggio di dolci colline verdi, svettano una manciata di piccoli paesini ricchi di fascino.

Silvi

Chiamata la perla dell’Adriatico, la cittadina di Silvi, è incorniciata dalle splendide spiagge della costa Adriatica e da una suggestiva vista sul Gran Sasso.

L’antica Silvi costituisce il centro nevralgico della storia del borgo. La chiesa di San Salvatore, risalente al 110, sorge proprio in questa parte e conserva al suo interno due acquasantiere risalenti al Medioevo e alcuni affreschi della metà del Duecento. Poco distante è possibile visitare la Chiesa di San Rocco, costruita nel Cinquecento.

Da non perdere le bellissime spiagge sabbiose e con bassi fondali di Silvi Marina e l’area Marina protetta di Torre del Cerrano.

Pineto

Il suo nome deriva dalla grande pineta a ridosso del mare che risale agli inizi del Novecento, fatta piantare dalla famiglia Filiani di Atri.

La Torre del Cerrano, nata nel Cinquecento come forte d’avvistamento contro le invasioni dei pirati turchi, è il simbolo di Pineto. La torre, uno dei fortilizi meglio conservati della riviera abruzzese, è oggi sede dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. Nel tratto di mare di fronte ad essa si trovano numerose strutture sommerse, ben visibili con la bassa marea: secondo alcuni studi farebbero parte dell’antico porto romano di Atri.

Martinsicuro

Il borgo di Martinsicuro conserva testimonianze della presenza dell’uomo risalenti alla preistoria. L’accogliente lungomare, perfetto per passeggiare e fare sport, presenta due aree dunali di notevole interesse naturalistico.

Il cinquecentesco Torrione di Carlo V domina l’abitato ed è intorno a questo edificio che si è strutturato nei secoli il resto del paese. La torre di Carlo V ospita al suo interno il nuovo Antiquarium di Castrum Truentinum, che raccoglie numerosi reperti archeologici.

 

Tortoreto

Il borgo medievale di Tortoreto Alta si erge su una collina distante tre chilometri dal mare; qui si possono ammirare il settecentesco Palazzo comunale, il Ponte, la maestosa Torre dell’Orologio e le antiche chiese di Sant’Agostino, di San Nicola e Santa Maria della Consolazione.

Check Also

isole-caraibiche

Alla scoperta delle Isole caraibiche

Da anni milioni di persone scelgono di passare le proprie vacanze alle isole caraibiche! Tali ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *